Visitare la Francia

Nizza
Nizza
Nizza

Foto CC BY-SA di Heinz Albers

Seducente come una cortigiana di classe, la Francia è tra i paesi più diversificati in Europa: montagne celebri, coste meravigliose, grandi fiumi, incantevoli villaggi, bellissime città e la foresta che copre il 28 per cento del paesaggio. Un Paese che si distingue per molteplici fattori: cibo di prima classe, ottimo vino, castelli e una cultura variegata.

Organizzare una vacanza nella nostra vicina di casa, non è facile tante sono le cose da vedere e da fare. Per non perdere il meglio di questo Paese occorre pianificare: Costa Costa Azzurra, Aquitania, Provenza, Bretagna, Normandia, Borgogna, Dordogna solo per citare alcuni dei luoghi più belli della Francia.
Una vacanza in questa terra potrebbe iniziare nella Costa Azzurra la meta del jet-set arty, qui è ovviamente impedibile Nizza, per poi proseguire per la Provenza con la bella Avignone.
La costa dell’Aquitania Costa è pianeggiante con spiagge infinite e poi le tantissime e bellissime città, oguna che regala qualcosa di meraviglioso da ammirare. Parigi in capofila ovviamente.

le città

Tra le città imperdibili c’è Lyon, la seconda città della Francia con i suoi due fiumi di classe mondiale, con il suo centro storico rinascimentale, con la storia fatta di preziose sete, di insurrezioni, di resistenza, di gastronomia e di cinema.

Montpellier è la città più desiderabile in Francia è allo stesso tempo elegante e colta, monumentale, e tollerante. Non è una sorpresa che il primo matrimonio gay in Francia sia stato celebrato qui. La Comédie, è la più grande e la più bella piazza pedonale del paese. Dietro, sorge la città vecchia, del 18 ° secolo su basi medievali.

Provence
Provence

Foto CC BY SA di Marek Gehrmann

A Strasburgo è un piacere passeggiare nella piazza della cattedrale. Il Quartiere La Petite France concentra il lato pittoresco di Strasburgo.

E poi l’elegante Bordeaux con il centro monumentale. La biennale Fête du Vin colonizza la città nel mese di giugno, per l’occasione la città offre due chilometri di stand di degustazione (bordeaux-fete-le-vin.com).
Ma non si possono perdere neppure Nantes e Toulouse

i musei

La Francia è piena di cultura, sono tantissimi i posti da visitare in tal senso.
Per chi desidera saperne di più sulla pre-storia, il luogo ideale è la Bretagna, il Lot o la Dordogna e, in particolare, la valle Vézère. Il museo di Les Eyzies, la grotta Font-de-Gaume sono tra i siti da visitare.
I fans dell’ epoca medievale potranno visitare le magnifiche cattedrali gotiche di Reims, Rouen, Beauvais, Chartres e, naturalmente, Notre-Dame a Parigi. Ma dovrebbero anche dirottare ad uno dei siti storici più affascinanti della Francia: Guédelon a Treigny nel nord della Borgogna.

I castelli della Loira sono forse la più grande collezione di edifici rinascimentali.
Nel Palazzo di Versailles si potranno ammirare le bellezze del 17 ° secolo, le Grand Siècle.
Per chi volesse saperne di più sulla rivoluzione francese, il Musée Carnavalet ‘(carnavalet.paris.fr) è il luogo ideale.

E poi il Musée de l’Orangerie e il Musée d’Orsay nella capitale.

Gli artisti moderni come Matisse, Picasso, Léger, Cocteau possono essere apprezzati nei rispettivi musei a Nizza, Antibes, Biot e Mentone. L’arte contemporanea è raccolta nel Centro Pompidou di Parigi, che ora ha una filiale a Metz, proprio come il Louvre ha un nuovo avamposto nel vecchio centro minerario di Lens.


i festival

Ma la cultura oltre che nei musei si può assaporare nei festival. Si possono seguire opere di teatro ad Avignone, l’opera a Aix, il cinema a Cannes, oltre a centinaia di piccoli: Jazz a Marciac in Guascogna, danza contemporanea a Montpellier oppure pianoforte a La Roque d’Anthéron. (leguidedesfestivals.com)
Molti musei nazionali sono gratuiti la prima Domenica di ogni mese, a Nizza sono tutti sempre gratuiti.

il cibo

La cultura francese si evince anche nella enogastronomia. La Francia conta circa 307 vini a denominazione, ha tra i 350 ei 1.600 formaggi diversi, la sua cucina è sorprendentemente varia, il pasto gastronomico francese è stato riconosciuto dall’UNESCO come componente del nostro patrimonio mondiale. Il cibo si può assaggiare nei tanti ristoranti o nei mercati che seducono i sensi, in questo caso sono bellissimi quelli in Provenza, ricchi di frutta, verdura, pesce e olio d’oliva.

Che dire dunque? Bon vojage

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *