Rende

Santuario_di_costantinopoli

Il comune di Rende è ormai piuttosto esteso, ma è la parte storica della città, lungo la parte superiore della collina, che è di interesse per i visitatori. In questo articolo, vi forniremo alcuni consigli utili sui luoghi più importanti da visitare, ma anche sulle specialità culinarie da provare per comprendere totalmente la storia e le tradizioni calabresi.

Visitare Rende: chiese, palazzi nobiliari antichi e cibi etnici

Nella città medievale di Rende il castello feudale merita una visita. Si trova sulla collina che domina Vaglio, insieme ad altri importanti palazzi nobiliari come il Palazzo Zagarese che ospita il Museo Civico e il Palazzi Vanni, Basile e Perugini. Ci sono anche diverse chiese di interesse come Santa Maria Maggiore, una chiesa di origine medievale, e la Chiesa di Santa Maria di Costantinopoli. A causa della posizione sopraelevata di Rende, questo paese offre dei panorami magnifici.

Il castello di Rende

Nel punto più alto del centro storico si erge il castello normanno, che è una struttura molto imponente, probabilmente costruita nell’XI secolo da Boemondo d’Altavilla (1058-1111) e da Roberto il Guiscardo. Il castello di Rende rapidamente si confermò come uno dei punti di forza della strategia difensiva della Valle del Crati. Il castello passò successivamente nelle mani degli Svevi, poi degli Angioini, degli Aragonesi e dei Conti Adorno. In tempi moderni, divenne proprietà delle famiglie nobili di Alarcon Mendoza.

Chiesa del Rosario

La Chiesa del Rosario è del periodo tardo barocco. Il livello inferiore è dominato dal portale, con un grande pannello finestra e vetro decorativo. L’interno della chiesa è a navata unica ed è piena di ornamenti insieme a capitali di vari stili che sostengono il cornicione, che a sua volta è decorata con foglia d’oro. L’interno della chiesa è decorato con dipinti di Cristoforo Santanna [1735-1805, pittore produttivo che era nativo di Rende e della scuola napoletana], che impreziosiscono la volta con una serie di ornamenti e decorazioni. Ci sono anche altre statue di scuola napoletana del 18 ° secolo, un organo a canne e un pulpito di legno dello stesso periodo.

Chiesa e museo civico di Rende

Nel centro storico di Rende, il palazzo Zagarese oggi ospita il Museo Civico che è diviso in diverse sezioni dedicate alla cultura popolare. Il museo contiene circa 3.000 manufatti e opere d’arte moderna e contemporanea, con dipinti di Mattia Preti (1613-1699), Giuseppe Pascaletti (1699-1757), Cristoforo Santanna, Carlo Carrà (1881-1966), Giorgio De Chirico (1888- 1978), Mario Sironi (1885-1961) e Renato Guttuso (1911-1987).

Il Santuario della Madonna di Costantinopoli

Uno dei più importanti luoghi di culto nel centro storico di Rende è il Santuario della Madonna di Costantinopoli, risalente al XVII secolo con una croce latina e una sola navata. Al suo interno, si trovano molte opere d’arte che vanno dal XVIII al XX secolo. Il pittore del XVIII secolo Cristoforo Santanna è stato l’autore, tra le altre opere, della “Madonna col Bambino” nel coro della chiesa e dell’affresco “Maria Bambina sulle braccia di Sant’Anna”. L’affresco della cupola è stato progettato da Achille Capizzano (1907-1951), un altro pittore importante nato a Rende. Nella ricca pinacoteca del Santuario della Madonna di Costantinopoli ci sono anche pregevoli opere di El Greco (1541-1614).

Santuario_di_costantinopoli

Foto Pubblico Dominio

La Chiesa del Ritiro

Un altro luogo che si distingue nel centro storico di Rende è la “Chiesa del Ritiro”, un piccolo edificio sacro che si trova in un monastero del XII secolo costruito dai Normanni. Questa chiesa ha una pianta a croce greca e una facciata molto semplice con il portale scolpito in tufo. Al suo interno, si possono vedere alcune cappelle, in ognuna delle quali si possono ammirare sculture e altari in legno creati da artigiani locali nel corso dei secoli.

Ristoranti e specialità culinarie

Tra gli imponenti palazzi antichi di Rende, oltre all’arte e all’architettura, si possono anche trovare ristoranti con cibo legato alle antiche tradizioni della Calabria. Qui potrete assaggiare il piatto del giorno, come ad esempio i Cappelletti con prosciutto e gorgonzola oppure le tagliatelle al tartufo.

Se siete amanti della campagna, non c’è niente di meglio di un pic-nic o un pranzo nella natura, dove si trovano case coloniche che offrono le specialità della cucina locale, spesso con una varietà di piatti a base di funghi della Sila.

Se siete diretti in Calabria, Rende è una delle mete da visitare… inoltre, se state programmando un viaggio con tutta la famiglia vi suggeriamo di visitare il Parco avventura in Calabria (qui maggiori info) non molto distante da Rende.

Commenta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *