Montemarcello un borgo tra fiume, mare, monti e collina

Tra il fiume e il mare sorge uno dei borghi più belli d’Italia che fa parte del parco naturale regionale di Montemarcello Magra: Montemarcello, una piccola frazione di Ameglia. Siamo in Liguria, al confine con la Toscana, siamo a 266 metri sul livello di un mare cristallino che risplende in tutta la sua bellezza in un panorama che si può ammirare dal Monte Caprione, promontorio sulla cui cima è situato il paesello. Da qui si vede il golfo della Spezia, la val di Magra e, in netto contrasto, le Alpi Apuane.

Montemarcello è uno dei classici luoghi che ti fanno fare pace con il mondo, luoghi perfetti per una vacanza all’insegna del relax e del buon vivere, un posto che può anche rappresentare una singola tappa di una vacanza nei dintorni che hanno tantissimo da offrire al visitatore (ad esempio Luni nota per gli scavi archeologici e il suo anfiteatro romano). Mare, fiume, verde….ecco come si presenta il territorio di Montemarcello con il suo borgo ricco di testimonianze storiche: la porta di ingresso del borgo e la Chiesa di San Pietro, che custodisce al suo interno opere del 1500, risalgono al XV secolo. Il borgo si snoda in suggestive viuzze interne con le arcate in pietra e allieta con una piazzetta che presenta caratteristiche tipicamente liguri che si contraddistinguono per l’armonia delle forme e delle proporzioni. E poi, nelle immediate vicinanze, c’è il Monastero del Corvo che custodisce la Santa Croce, e che fu rifugio, agli inizi del 1300, di Dante Alighieri. Fuori dal borgo si possono vedere i resti di una fortificazione militare e si può percorrere, se si hanno le scarpe adatte, un sentiero che conduce in una sorta di paradiso: belvedere di Punta Corvo, qui D’Annunzio trova l’ispirazione per dei versi nelle Laudi.

 

Meritevole di visita è certamente la vicinissima Bocca di Magra  nella foce del fiume dove si può ammirare una villa termale del IV secolo a.C..

E’ doveroso inoltre visitare l’ orto botanico situato nel parco naturale. Attraverso un percorso guidato, si possono osservare parecchie piante autoctone.

Quando si visitano i borghi è inevitabile parlare di prodotti e piatti tipici. A Montemarcello è obbligatorio assaggiare l’eccellente olio di oliva, i fichi, il formaggio conservato sott’olio, le erbe aromatiche, il lardo di colonnata, la farinata, la squisita focaccia di Sarzana, solo per citarne alcuni (dopo vi farete una bella camminata nei suoi sentieri per smaltire il tutto). Tra i piatti tipici citiamo stoccafisso e polpo con patate, il tutto innaffiato con l’ottimo vino dei dintorni.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *