Il Palio di Siena

Piazza del Campo piena di gente durante il Palio di Siena

Piazza del Campo piena di gente durante il Palio di SienaD’estate a Siena è tempo di Palio. Se non fosse solo la bellezza di questa città antica e affascinante a farvi venire voglia di cercare un hotel a Siena vicino alle torri, infatti, i Palii del 2 luglio e del 16 agosto sono pronti a convincervi definitivamente.

Stiamo parlando di un evento irresistibile per chiunque voglia assistere ad una competizione mozzafiato, che prescinde dalla rivalità sportiva pura ed affonda le radici nella tradizione, nel medioevo e nelle rivalità storiche di una città che da sempre ha vissuto delle competizioni delle sue contrade.

Cominciata nel XIII secolo in seguito alla battaglia di Montaperti, la tradizione del palio è continuata nel corso del tempo per stabilirsi nella sua forma corrente nel XVI secolo, quando si scelse la forma del tracciato “alla tonda” sulla famosa terra rossa di .

Oltre ad estendersi nel corso dei secoli, la tradizione del palio occupa Siena tuttora durante tutto l’anno. Stiamo parlando di una città che respira Palio e in cui tutti i contradaioli si impegnano durante tutto l’anno per preparare l’evento, l’organizzazione del palio si estende dall’inverno, in cui si cominciano a creare le strategie, fino a maggio, quando cresce l’attesa e vengono scelte le 3 contrade da aggiungersi alle sette già annunciate.

E poi nell’estate è un crescendo, con l’arrivo del Drappellone, il manifesto simbolo del Palio, e le prove dei cavalli che, quest’anno, inizieranno gli addestramenti in piazza già dal 27 giugno fino al 2 luglio, e già dal 12 agosto in vista del palio del 16 agosto.

Che vinca il Bruco o la Giraffa, il Daino o l’Istrice, è già ora di segnarvi queste date in agenda se pensate ad un viaggio estivo in Toscana e siete in cerca di adrenalina, atmosfera di testa e tradizione.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *