Corfù, l’isola verde

corfu
Corfù

Foto CC BY di Ian Pitchford

Corfù è una delle più verdi delle isole greche merito delle piogge intermittenti ma torrenziali che cadono da settembre a maggio ed alle migliaia di ulivi che tappezzano il paesaggio. E ‘anche uno dei luoghi più rurali ed assonnati.
Una volta che si tocca l’entroterra sembra davvero di essere su un’altra isola, anche in un’altra epoca . Le strade secondarie non sembrano essere cambiate sin dai tempi britannici.

Nelle radure isolate, gli abitanti di Corfù celebrano ancora l’estate e l’autunno con festival religiosi con musica e bancarelle. Qui la cultura delle olive è una tradizione e molti boschi conservano ancora un aspetto romantico allo stato semi-brado .

I vecchi quartieri della città di Corfù , sono state designate di recente, e meritatamente , patrimonio dell’UNESCO.

Quando andare

L’alta stagione a Corfù va da Pasqua fino ad ottobre , anche se molti alberghi delle località turistiche funzionano solo da maggio a settembre compreso .

corfù
Corfù

Foto di viaggi.hdmagazine

Come muoversi

Trasporti pubblici : Corfu dispone di due servizi di autobus separati: le linee sub-urbane blu e le linee di tutta l’isola verde.
Noleggio auto : come gli autobus si fermano abbastanza presto la sera , per questo è consigliabile noleggiare un auto. Una società di lunga tradizione risponde al numero 00 30 26610 44325 , www.corfusunrise.com.
Cosa fare

Oltre la città principale ed alcuni musei, ci sono parchi acquatici , maneggi , centri sub ( soprattutto a Paleokastrítsa ) , antichi castelli da esplorare , villaggi sonnolenti e le escursioni .

Kérkyra città vecchia

Il centro storico di Kérkyra, con i suoi portici di fronte al Spianada ( Esplanade ) , le sue abitazioni a più piani color pastello , con le sue piazze tranquille e le sue persiane con doghe in stile veneziano , premia ampiamente il tempo trascorso passeggiando per le sue viuzze.

Il Museo archeologico della Città di Kerkyra è chiuso per lavori fino al 2015, ma si ouò comune visitare il Museo Bizantino nel distretto di Mourágia ( Ma-Do 08:30-15:00 , 3 € ) , chiesa medievale piena di icone del 15simo e 18simo secolo , molte delle quali sono state dipinte da artisti profughi cretesi.

Bellissimo anche il Museo di arte asiatica ( Ma-Do 8:00-19:30 , chiude 3:00 inverno, € 3) che si trova all’estremità superiore della Spianada , e che custodisce reperti provenienti da Cina, Giappone , Tibet, dal regno del Gandhara, Cambogia e Thailandia.

Escursionismo

Il tortuoso , sentiero pedestre Trail Corfu ( www.thecorfutrail.com ) che richiede dagli otto ai dieci giorni per coprire il suo corso di 137 miglia introduce in maniera meravigliosa un paesaggio immaginabile.

La vista da cartolina Kanóni è imperdibile . Il belvedere è servito dagli autobus ma si può raggiungere anche con una bicicletta.

Dalla base del molo i battelli navigano verso Pondikonísi ( Isola dei Topi ) , che ospita alberi e una piccola cappella bizantina .

Palea Perithia: Situato in una conca sul versante nord della vetta dell’isola Mt Pandokrator , questo villaggio veneziano era stato abbandonato nel 1960 e così è rimasto per anni. Dal 1990 , ha iniziato ad attirare i visitatori. Palea Perithia ha dintorni che portano ancora il segno di un devastante incendio ma il fascino delle stradine acciottolate e le abitazioni in pietra è rimasto intatto.

Kassiópi: Questo resort è uno dei pochi punti a nord della costa che ha mantenuto il suo fascino . E ‘stato un resort noto fin dall’epoca imperiale romana. Tiberio aveva una villa qui , e Nerone vi fece una visita musicale con la sua lira nel 66 dC . La location suggestiva evidentemente lo ispirava: un porto di pesca profondamente frastagliata affiancata da un piccolo castello angioino del 13 secolo . Ci sono un sacco di piccole spiagge raggiungibili a piedi o in bicicletta a pochissima distanza.

Angelókastro: Nonostante le riparazioni e il consolidamento degli ultimi anni , non c’è molto all’interno di questo castello compatto oltre ad una chiesa sotterranea e alcune cisterne , ma i panorami premiano ampliamente la breve salita alla vetta con la sua piccola cappella.

Storia e Folklore Museum of Central Corfu , Sinarádes: ben segnalato vicino all’ingresso nord di un villaggio affascinante , questa casa tradizionale di Corfù occupa due piani di mostre . Il piano terra è stato lasciato sostanzialmente come era quando abitata , mentre la camera singola al piano superiore è dedicata ad una collezione di oggetti stravaganti e inusuali.

Salite Agii Déka , seconda vetta più alta di Corfù: Dal villaggio di Ano Garouna , una parte del sentiero Corfù conduce ripidamente fino alla cima fino ad ammirare una splendida vista sulla città, la laguna e l’aeroporto .

Formazioni rocciose , Sidári: Appena ad ovest di questa vivace località , le scogliere di arenaria della costa sono state erosi nel corso degli anni dal vento e dall’acqua fino a formare figure ultraterrene . La formazione più famosa prende il nome di Canal d’ Amour.

Theotokou monastero , Paleokastrítsa. Anche se è stato fondato nel 13 ° secolo , l’attuale monastero è stato ricostruito dopo un incendio circa cinque secoli più tardi . La chiesa è piena di icone degne di nota , ci sono anche esposizioni in un piccolo museo che occupa l’ex frantoio ( compreso lo scheletro di un ‘ mostro marino ‘ ) , mentre fiorenti piante in vaso oltre a cascata di buganvillee riempiono il cortile e i passaggi porticati intorno ad esso . Alcuni monaci vivono ancora qui .

corfù
Corfù

 

 Foto CC BY di FlickrLickr  

Gite di un giorno

Le più interessanti , escursioni evidenti vanno a Agii Saranda in Albania per visitare le spettacolari vicine rovine romane di Butrinto , e ai tre isolotti Diapondia abitati a nord – ovest di Corfù .

Si può prenotare un trekking a cavallo attraverso le colline verdeggianti del Monte Pandokrator a Sally- Ann Lewis ‘ .

Eventi

Diversi eventi vengono organizzati durante l’anno sull’isola Concerti jazz , concerti di musica classica o locali , e altro .

Bande musicali in ottone Corfiot
Generalmente vengono organizzate Domenica delle Palme , Domenica di Pasqua , 11 agosto , prima Domenica di novembre

Le orchestre filarmoniche sono un appuntamento fisso nei festival , e durante l’estate organizzano concerti domenicali sulla Spianada . Le bande accompagnano anche le reliquie del santo patrono dell’isola Spyridon attraverso le antiche strade della città.

Corfiot Pasqua

Le bande musicali si esibiscono inoltre alla Corfù Pasqua , una delle feste più vivaci della Grecia. Il Venerdì Santo, pomeriggio e sera , ogni parrocchia sfila i suoi “Epitafios” accompagnati da canti funebri solenni . Il sabato mattina , dopo la processione di San Spiridione, una ceramica appositamente realizzata viene gettata giù dalle finestre dei piani superiori e dei balconi – un’antica usanza consiglia di scacciare la sfortuna del tradimento di Giuda ‘ . A mezzanotte , dopo la Resurrezione , il cielo sopra il vecchio forte e Esplanade diventa a righe grazie ai fuochi d’artificio .

Varkarola Festival di Paleokastrítsa
Sabato vicino al 11 Agosto

Questa festa commemora l’assistenza miracolosa di Spyridon durante l’assedio ottomano del 1716 , con una finta battaglia navale , cori a base acquosa e ancora fuochi d’artificio .

Agia Marina il 17 luglio

Si tratta di un festival caratterizzato da danze popolari .

Quest’anno il 31 agosto si svolge una festa popolare che si chiama appunto Agios Ioannis. ( www.agiotfest.co.uk )

Teatro

Ci sono spettacoli estivi , che spesso rappresentano  antiche tragedie greche , sia nella Città di Kerkyra che nelle due fortezze presso il teatro all’aperto Mon Repos

A Febbraio in occasione del Carnevale ci sono divertenti sfilate di Carnevale che animano le strade di Kérkyra le tre domeniche e l’ultimo mercoledì che precedono il Lunedì grasso.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *